Eccellenza: la vittoria col Sant’Agostino porta in dote il 4° posto in classifica

IMG_1945Sono gli ospiti a fare la partita confermando con pressing alto e possesso palla i miglioramenti della seconda parte di stagione. Faticano però quando arrivano nei pressi dell’area dove un’attenta difesa del Fiorano chiude bene gli spazi consentendo davvero poco alle punte del Sant’Agostino. Nel primo tempo pochissimo da segnalare ad eccezione di due punizioni per i padroni di casa, calciate da Budriesi e Hajbi, che non impensieriscono Costantino. Sull’altro fronte grossa occasione sprecata da Slimani: al 18’ preciso lancio di Giuriola per l’attaccante ferrarese che davanti ad Antonioni si fa ipnotizzare e il suo debole pallonetto non sortisce effetti. Nella seconda frazione di gioco la musica non cambia, è sempre il Sant’Agostino ad impostare la partita con l’attacco che non punge e il gol rimane una chimera. Proprio nel momento migliore degli ospiti si svegliano i padroni di casa, intorno alla mezz’ora Ficarelli, su traversone basso di Tardini, di un soffio non arriva ad impattare la palla a porta vuota col portiere fuori causa. Gli ospiti rispondono poco dopo: Slimani ruba palla a Budriesi e serve al centro il liberissimo Berto, fortunatamente per il Fiorano Algeri riesce a spazzare l’area. A questo punto le squadre si allungano e la partita vive i suoi momenti migliori. Ad azzeccare i cambi è mister Fontana che sposta in avanti il baricentro del gioco e al minuto 37, una gran giocata di Costa sulla destra, abile a saltare un paio di avversari e a servire Ansaloni in mezzo, consente a quest’ultimo di mettere dentro il gol partita. Poco dopo, in contropiede, Zamble trova la rete del raddoppio, ma l’arbitro annulla per un dubbio fuorigioco. Una partita fino a quel punto tranquilla si è poi trascinata fino al 55’ minuto, frammentata da numerose interruzioni per proteste, ammonizioni ed espulsioni, ma il risultato non è più cambiato. Il Sant’Agostino si è confermato squadra in crescita e ricca di giovani di prospettiva, ma non è bastato per superare il Fiorano che con cinismo ed organizzazione ha conquistato tre punti che lo proiettano sempre più verso i quartieri alti della classifica. A fine gara Gianluigi Rebuttini: “Sapevamo di affrontare la squadra più in forma del girone – dichiara il direttore sportivo del Fiorano – ci hanno messo in difficoltà anche se non hanno mai creato grossi pericoli, noi invece avevamo segnato anche un secondo gol inspiegabilmente annullato. Abbiamo dimostrato di saper soffrire e, questa volta anche con un po’ di buona sorte, incameriamo tre punti fondamentali per la nostra classifica”.

FIORANO – SANT’AGOSTINO 1-0

Fiorano: Antonioni, Costa, Hajbi, Baldoni (34’ st Leonardi), Saetti Baraldi, Budriesi, Tardini, Cavallini (20’ st Algeri), Zamble, Ansaloni, Opoku (25’ st Ficarelli). A disposizione: Bonadonna, Canalini, Cattabriga, Gamberini. Allenatore: Fontana

Sant’Agostino: Costantino, Iazzetta, Cioni, Pellielo, Vinci, Molossi, Olivieri (39’ st Caglio), Giuriola, Ganzaroli (28’ st Saletti), Berto, Slimani. A disposizione: Pellati, Stefanelli, Tonazzi, Farina, Bottoni. Allenatore: Ghedini

Arbitro: Di Stefano di Cesena (assistenti: Lo Re e Canali)

Reti: 37’ st Ansaloni

Note: Terreno di gioco sintetico. Spettatori presenti sugli spalti circa 80. Espulsi: l’allenatore del Fiorano Fontana (85’); Bottoni e Tonazzi (89’) dalla panchina del Sant’Agostino. Ammoniti Tardini, Zamble, Tardini, Leonardi del Fiorano; Giuriola, Slimani, Olivieri del Sant’Agostino.