LO JUNIOR FIORANO VINCE I PLAYOFF E ORA SPERA NELLA PRIMA CATEGORIA

aIMG_0092Pareggiando 2-2 con la Rubierese lo Junior Fiorano si aggiudica la finale degli spareggi playoff, in virtù del miglior piazzamento in classifica ottenuto in campionato (è arrivato secondo mentre i reggiani si sono piazzati al terzo posto) e ora spera di ottenere la promozione in Prima Categoria. Partita combattutissima, sostanzialmente equilibrata, a tratti molto dura e spezzettata e ne sono dimostrazione i tanti cartellini di cui due rossi e i minuti di recupero che il direttore di gara Barbolini della sezione di Modena non ha lesinato sia nei 90 regolamentari che nei supplementari. A sbloccare il match sono i biancorossi a metà della ripresa col bomber più prolifico della stagione Adjetey e, quando mancano cinque minuti al termine, il rosso a Sinagra sembra decretare la parola fine alla contesa. Non è così perchè al primo minuto di recupero dei sette concessi Rubicondo riporta l’incontro in parità. Si va ai supplementari e in pochi minuti lo Junior, che non ha ancora smaltito la botta del gol subito, incassa la seconda rete direttamente su punizione calciata da Vanacore. Serrati i ranghi e lottando a denti stretti la squadra fioranese riesce a pareggiare con Olmi all’inizio del secondo supplementare. Arriva poi il secondo rosso tra le fila reggiane, a subirlo è Amdouni, che spiana la strada alla squadra di Lazzarini che può festeggiare e sperare concretamente di giocare in prima la prossima stagione. Oltre ai complimenti che vanno inevitabilmente ai protagonisti sul campo, non ci dimentichiamo certo di chi questa squadra ha contribuito a crearla e gestirla durante tutta la stagione: il Direttore Sportivo Cristian Ferrari, il Team Manager Rocco Gianatiempo, il Direttore Tecnico Gianluca Santangelo, i dirigenti accompagnatori Mattia Betturini e Manuel Segalini. E che dire del mister Fabrizio Lazzarini e del suo vice Giuseppe Bonicelli, due signori con la S maiuscola, mai un lamento, mai dichiarazioni sopra le righe, sempre composti anche nei momenti difficili. Se hanno sofferto quando le cose non giravano per il verso giusto non l’hanno dato a vedere, ma hanno sempre sostenuto la squadra con grande compostezza e signorilità. Sono stati un esempio per tutto l’ambiente calcistico, merce rara di questi tempi e oltre al risultato che hanno raggiunto sul campo si sono sicuramente guadagnati il rispetto di tutti coloro che hanno avuto modo di incontrarli, avversari compresi. Forza Junior!

Nella pagina della categoria ampio servizio fotografico